Tasso BCE: Cos’è il Tasso Ufficiale di Riferimento della BCE



Che cosa si intende in campo finanziario con il temine Tasso BCE? Quest’ultimo si riferisce al Tasso Ufficiale di Riferimento della BCE, comportando spesso una gran confusione diffusa in merito alle sue funzionalità e applicazioni.



Il Tasso BCE rientra all’interno dell’Eurosistema finanziario, a composizione di tutti gli istituti bancari dei Paesi parte dell’Unione Europea, intendendo in qualche modo un riferimento alla Banca delle Banche Centrali Europee. Obiettivo di quest’ultima la regolazione del Tasso all’interno dei vari Paesi, mantenendo in questo modo una stabilità a livello finanziario nei confronti della moneta europea all’interno dell’Eurozona.

Attraverso questo nuovo articolo guidato ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche e funzionalità del Tasso BCE, soffermandoci in particolar modo sulla sua identificazione in relazione alle strumentazioni finanziarie.

Tasso BCE: definizione e azioni svolte

Il Tasso BCE viene utilizzato all’interno dei Paesi parte dell’Unione Europea in riferimento ai vari istituti bancari e alla moneta nel contesto Eurozona, come un metro di stabilità della stessa.

Il Tasso d’interesse della Banca Centrale Europea viene anche definito “tasso reft” in riferimento alle varie operazioni finanziarie, riflettendo in modo particolarmente significativo la situazione dell’Unione Europea. Il Tasso BCE riflette allo stesso tempo anche il ruolo del consumatore finale, incidendo sul resto dei tassi emessi dalle banche come nel caso specifico dell’Euribor.

Ma come funziona il Tasso BCE? Il presente viene ulteriormente confermato dai sistemi della Banca Centrale italiana, sotto un accordo precedente in concomitanza con il resto dei Paesi parte dell’Unione Europea, presentandosi come variabile e del tutto modificabile nel corso degli anni.

Un eventuale accordo di modifica del Tasso BCE deve contemplare al suo interno una decisione unanime di tutti i Paesi partecipanti, mentre la modifica dello stesso sarà resa possibile solamente da una delle amministrazioni degli istituti bancari centrali.

Alla presidenza dell’intero sistema risulta trovarsi il governatore italiano Mario Draghi, in collaborazione con il Consiglio direttivo completamente suddiviso tra i membri del Comitato esecutivo e i rappresentati delle banche centrali europee. In fase attuale il Tasso BCE si trova al minimo storico a rappresentare un’agevolazione da parte dei richiedenti un finanziamento in riferimento al rimborso da erogare dei propri mutui contratti.

Il Tasso BCE si ripropone di stabilizzare i prezzi al fine di consentire ai richiedenti finanziamenti ulteriori sicurezze in campo economico.

Tasso BCE: qual’è il suo valore attuale, impatto sui mutui

Il Tasso BCE presenta un valore attuale pari allo 0%, da un precedente 4,5%, mentre le ipotesi statistiche prevedono un futuro conteggio in negativo passando da un -0,5% ad un -1,00%.

I tagli sul Tasso BCE prevedranno una cospicua messa in liquidità all’interno del sistema dei mercati europei allo 0,5%. L’impatto del Tasso BCE sui mutui invece prevede un piccolo risparmio per i debitori ma allo stesso tempo significativo, andando a migliorare lo stato dello spread e l’aliquota bancaria.

Generalmente il Tasso Euribor presenta un’elevata percentuale rispetto al Tasso BCE, meno privilegiato in sede bancaria a seconda delle diverse contrattazioni. Sul piano finanziario il Tasso BCE rappresenta quindi la migliore opzione disponibile soprattutto in sede di mutui, diversamente dal Tasso dell’Euribor.



Tasso BCE: Cos’è il Tasso Ufficiale di Riferimento della BCE ultima modifica: 2018-08-17T11:00:18+00:00 da Serena Baldoni