Prestiti per Studenti Universitari: ecco come Richiederli

Prestiti per Studenti Universitari: ecco come Richiederli



A chi si rivolgono i Prestiti per gli Studenti Universitari? Come specificato dalla terminologia del finanziamento stesso a fare richiesta del debito potranno essere tutti i soggetti frequentanti un percorso di studi anche post-universitario.



Al fine di comprendere le caratteristiche alla base dei Prestiti per gli Studenti Universitari si dovrà analizzare attentamente la categoria di riferimento stessa. I Prestiti per gli Studenti Universitari rientrano per lo stesso motivo all’interno di forme di finanziamento personalizzate, sotto requisiti e caratteristiche insufficienti per accedere invece ad un debito standard presso gli istituti di credito.

I Prestiti per gli Studenti Universitari vengono per ciò denominati anche ‘prestiti d’onore’ in riferimento alle agevolazioni fiscali per la categoria alla quale si rivolgono. Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche alla base dei Prestiti per gli Studenti Universitari, soffermandoci sui metodi di restituzione, la presentazione dei requisiti fondamentali per accedere al credito.

Prestiti per gli Studenti Universitari: tutto quello che occorre sapere

I Prestiti per gli Studenti Universitari si rivolgono nello specifico alla categoria degli studenti universitari in presenza della necessità di ricorrere ad una forma di finanziamento personalizzata tramite la quale coprire tutte le esigenze all’interno del percorso formativo scolastico.

I crediti concessi sulla base dei Prestiti per gli Studenti Universitari si basano su di una ‘scommessa’ nei confronti della situazione futura professionale dello studente. Che cosa significa in pratica? Il soggetto debitore in questo caso potrà provvedere alla restituzione delle singole rateizzazioni al momento del termine del proprio percorso di studi formativo.

Tale agevolazione è stata ideata al fine di concedere allo studente la reperibilità di un lavoro stipendiato, mentre i Prestiti per gli Studenti Universitari non poggiano le proprie fondamenta sul requisito della presentazione di una busta paga continua mensile. Al momento dell’entrata all’interno del mondo del lavoro il soggetto debitore si impegnerà alla regolare restituzione del debito.

Alla base della presentazione della domanda per i Prestiti per gli Studenti Universitari si dovranno tuttavia presentare alcuni requisiti fondamentali tra cui: un’età anagrafica compresa tra i 18 e i 40 anni, l’iscrizione presso un corso triennale o ad un corso di laurea a ciclo unico, essere in regola con le tasse e aver conseguito il diploma con almeno 75/100, l’iscrizione presso un corso di laurea magistrale, la regolarizzazione delle tasse universitarie e aver conseguito la laurea triennale con almeno 100/110, l’iscrizione presso un corso di specializzazione dopo aver conseguito la laurea in medicina e chirurgia con almeno 100/110 dei voti, l’iscrizione ad un dottorato di ricerca all’estero che deve possedere una durata legale triennale al fine di essere riconosciuto in Italia, oppure l’iscrizione presso  ad un corso di lingue di durata non inferiore a sei mesi, riconosciuto da un “Ente Certificatore”.

Il prestito non potrà superare le 25 mila euro, mentre al momento della restituzione si dovranno versare rate annue comprese tra le 3 mila e le 5 mila euro. Il tasso d’interesse applicato al prestito sarà regolamentato dalle varie istituzioni bancarie, mentre istituti universitari e banche potranno decidere di sottoscrivere specifiche partnership al fine di un’ulteriore agevolazione sui Prestiti per gli Studenti Universitari.