Cosa Sono i Certificati di Deposito Bancari, sono Sicuri? Tassazione e Rischi



Quando si parla di investimenti è necessario dire che ve ne sono alcuni più sicuri di altri e che maggiori sono i guadagni possibili, maggiori sono i rischi che si vanno a correre.



Parleremo oggi dei certificati di deposito bancari, un’ulteriore forma di investimento bancario. Vengono utilizzati ormai da diverso tempo e sono dei titoli che il correntista può prendere direttamente dallo sportello bancario.

Sarà così possibile per il correntista investire i propri risparmi fino ad una data stabilita. Diventando il possessore di tali titoli, il correntista diventerà il possessore di quelli che chiamiamo certificati di deposito bancari. L’operatore presente allo sportello bancario proporrà di mantenere il possesso di tali titoli per un periodo che va dai tre mesi ai cinque anni.

Sui titoli ottenuti maturerà nel corso del tempo un interesse. Tale interesse corrisponderà al guadagno che il correntista avrà ottenuto investendo sui certificati di deposito. Gli interessi maturati solitamente vengono erogati nel momento in cui termina l’accordo ma qualora il periodo dovesse durare per più di un anno sarà possibile accordarsi in modo tale da ricevere gli interessi ogni dodici mesi, ossia annualmente.

Il correntista potrà decidere nel momento in cui acquista i certificati se optare per un tasso fisso o un tasso variabile. Richiedendo un tasso fisso di interesse sarà certo di ottenere al termine del periodo una determinata somma. Richiedendo un tasso di interesse variabile invece il cliente potrebbe anche guadagnare molto di più, ma di conseguenza potrebbe rischiare di ottenere molto meno del previsto.

I certificati di deposito bancari possono quindi essere suddivisi in tre categorie, in base al tasso di interesse che viene scelto: Certificati a tasso fisso, Certificati a tasso variabile e Certificati zero coupon.

I certificati a tasso fisso sono quelli che utilizzano un tasso di interesse fisso e come già detto in precedenza non potranno mai comportare strane sorprese in quanto già al momento dell’investimento sarà possibile calcolare il guadagno.

I certificati a tasso variabile invece sono quelli che utilizzano il tasso di interesse variabile e quindi il loro valore dipende da diversi fattori tra cui l’andamento del mercato ed il periodo di tempo nel quale si possiedono.

I certificati zero coupon invece permetterà al cliente di ricevere gli interessi maturati solo al termine del periodo vincolato. Il capitale investito e gli interessi maturati potranno in questo caso essere prelevati dal cliente solo dopo il limite di tempo stabilito.

I certificati di deposito sono ancora oggi una delle migliori fonti di investimento. Vengono solitamente utilizzate dai piccoli investitori che desiderano iniziare ad investire i propri risparmi con sicurezza. I vantaggi possono essere anche alti ma è necessario ricordare che il proprio denaro dovrà essere vincolato. Il consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di controllare attentamente le clausole che riguardano lo sblocco del denaro in via anticipata.

Cosa significa? Se un cliente investe in maniera vincolata in certificati di deposito bancari vincolando il proprio denaro per 3 anni, in caso di bisogno potrà riottenere il proprio denaro prima della scadenza pattuita ma dovrà sottostare a quanto scritto nelle clausole contrattuali.



Cosa Sono i Certificati di Deposito Bancari, sono Sicuri? Tassazione e Rischi ultima modifica: 2018-08-02T11:08:12+00:00 da redazione