Come chiudere un conto deposito



Come provvedere alla chiusura di un conto deposito? In un primo momento tale procedura potrebbe risultare spinosa e complicata. In realtà chiudere un conto deposito, aperto sia presso una filiale bancaria fisica che attraverso la modalità online, risulta più semplice del previsto.



Come per la chiusura di qualsiasi conto bancario si dovrà tuttavia rispettare un iter burocratico specifico ai fini del rispetto di quanto previsto dalle regolamentazioni attualmente in vigore.

Attraverso questo nuovo articolo guidato ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche del conto deposito, soffermandoci in particolar modo sullo specifico iter burocratico da seguire ai fini della sua corretta chiusura.

Come chiudere un conto deposito: tutto quello che occorre sapere, guida pratica da seguire

Come chiudere un conto deposito? Come puntualizzato all’interno delle righe precedenti provvedere all’estinzione dello stesso risulta particolarmente semplice nel rispetto delle procedure burocratiche previste che andremo insieme ad analizzare.

Insieme al conto deposito si dovranno estinguere anche le relative carte di credito associate, compresi gli eventuali accrediti degli stipendi o della pensione. In presenza dell’accredito dello stipendio dovrà essere informato anche il proprio datore di lavoro.

In presenza della chiusura del conto deposito si potrà inoltre provvedere all’apertura di un nuovo piano finanziario senza alcuna problematica burocratica successiva. Optando per l’apertura di un nuovo conto deposito dovranno essere forniti alcuni dati personali tra cui il codice alfanumerico denominato IBAN, comprese le proprie generalità.

L’istituto bancario si preoccuperà di trasferire in automatico l’eventuale somma in giacenza nel vecchio conto deposito senza alcun costo aggiuntivo, richiedendo al soggetto il trasferimento delle varie utenze laddove presenti. Successivamente sarà fornito un nuovo codice relativo all’IBAN, andando a sopprimere il conto precedente.

Ma in quanto tempo il vecchio conto deposito risulterà a tutti gli effetti chiuso ed estinto? Generalmente un conto deposito sarà effettivamente chiuso in circa 12 giorni, senza penali da pagare, fatta eccezione per alcune eventualità specifiche.

Il modulo di richiesta di chiusura del proprio conto deposito dovrà essere compilato in ogni voce e inoltrato in seguito tramite email all’indirizzo riportato sul documento stesso, in alternativa consegnato fisicamente presso la filiale bancaria dove è stato aperto inizialmente lo stesso.

Nel caso in cui la sottoscrizione al conto deposito sia avvenuta online si dovrà accedere al portale e compilare l’apposito forum guidato presente all’interno delle varie voci sull’hom banking.

L’unica eventualità in cui si renderà necessario il pagamento di una penale al momento dell’estinzione del conto a deposito si verificherà nella tipologia vincolata, in relazione ai servizi extra offerti da tale sottoscrizione rispetto invece ad un conto standard. In alternativa alla somma della penale si potrà in questo caso decidere di non avvalersi degli interessi maturati, andando a saldare i costi aggiuntivi senza la necessità di provvedere fisicamente alla loro erogazione.

Il conto deposito si differenzia dal classico conto corrente in quanto prevede un rapporto di interessi sul capitale investito superiore, tramite tassi di interessi superiori e l’azzeramento delle spese iniziali di apertura. Tuttavia, al momento della sottoscrizione contrattuale, si dovranno leggere attentamente tutti i punti riportati nelle diverse voci al fine di individuare l’eventuale presenza di penali.



Come chiudere un conto deposito ultima modifica: 2018-09-24T11:00:17+00:00 da Serena Baldoni