Come calcolare il rating bancario



Come si calcola il rating bancario? Innanzitutto occorre dapprima soffermarsi sulla definizione di rating bancario e sul suo funzionamento, consistente nella valutazione dell’affidabilità finanziaria rapportata ad un’impresa.



Attraverso il rating bancario si potranno controllare i vari titoli e le obbligazioni, compresi i rischi, collegati all’andamento di un’impresa. Il rating bancario prevede una traduzione del valore complessivo in lettere, prevedendo un premio che dovrà essere corrisposto a seconda del relativo rischio calcolato in relazione alla programmazione di un investimento.

Il rating bancario risulta un argomento piuttosto spinoso soprattutto per chi si avvicina per la prima volta in direzione di tale terminologia, motivo per il quale nel corso delle righe successive ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche e il funzionamento alla base della valutazione finanziaria del rating.

Rating Bancario: tutto quello che occorre sapere

Il rating bancario necessita di un monitoraggio costante, motivo per il quale il suo calcolo viene effettuato pubblicato all’interno dei specifici quotidiani che si occupano di finanza, alla visualizzazione di tutti i soggetti.

Le riviste quotidiane finanziarie vengono messe a disposizione della clientela presso gli istituti bancari, ma anche attraverso il web online in formato digitale. Il rating bancario viene associato ad un codice specifico, variabile annualmente in relazione alla normativa a controllo denominata Basilea 2.

Tale norma specifica obbliga le imprese e gli investitori alla presentazione dei requisiti minimi e delle varie garanzie al sostentamento di un investimento, mentre l’odierna approvazione della norma Basilea 3 sarà resa effettiva a partire da gennaio 2019, portando con sé alcune modifiche strutturali rispetto alla precedente.

In riferimento al rating bancario occorre inoltre sottolineare i diversi parametri sui quali si basano gli istituti bancari, andando a valutare l’analisi del patrimonio aziendale, le eventuali pendenze, le eventuali segnalazioni CRIF, Centro per il Rilevamento delle Infrazioni, la gestione dello staff dirigenziale, la liquidità aziendale.

In parole povere il rating bancario rappresenta un sistema di calcolo sfruttabile sia per le aziende che per i soggetti a visualizzazione della propria situazione economica all’interno degli investimenti sulle obbligazioni. A tal proposito sono sorte diverse aziende specificate nel rating bancario, le quali provvedono al calcolo basilare in modo approfondito, alle quali le banche risultano appoggiarsi.

Attraverso i diversi portali online si potranno reperire anche i differenti simboli legati al rating bancario, mentre in presenza di un’azienda o soggetto presentante un alto rating si otterrà un rischio calcolato nettamente inferiore.

I valori aziendali del rating bancario vengono controllati dalle apposite agenzie con assiduità, nonostante una durata annua di presentazione dei riferimenti. Ciò sottolinea un monitoraggio legato a visualizzazioni e calcoli mensili da parte di codeste agenzie.

I valori mediamente inferiori del rating bancario, collegati a determinate aziende, vengono inseriti in apposite liste specifiche andando ad agevolare i soggetti richiedenti una valutazione dello status finanziario legato ad un’impresa o un soggetto.

Il rating bancario può quindi essere inteso come un sistema affidabile al fine di una valutazione aziendale finanziaria, correlato di tutte le informazioni societarie, con un accesso cartaceo presso i relativi quotidiani specifici oppure online su siti specializzati comprendenti i dati di moltissime imprese.



Come calcolare il rating bancario ultima modifica: 2018-09-19T11:00:05+00:00 da Serena Baldoni