Codice Tributo 9001, cos’è e in quale sezione va utilizzato



A cosa si riferisce nello specifico il Codice Tributo 9001 rapportato alla compilazione del Modello F24? Ogni stringa numerica riferita alla presentazione della dichiarazione del Modello F24 nei confronti dell’Agenzia delle Entrate dovrà andare ad integrare l’esatto riferimento all’imposta specifica che il contraente sarà tenuto a versare al Fisco secondo i provvedimenti di legge.



I Codici Tributo sono stati elaborati direttamente allo scopo di semplificare le varie compilazioni all’interno del Modello F24, andando ad escludere il rischio di sanzioni amministrative correlate dalla maturazione degli interessi.

In presenza di un’errata compilazione del Modello F24 il contraente potrà difatti correre il rischio di una sanzione amministrativa accompagnata dall’accumulo degli interessi previsti sulla base dei diversi giorni di ritardo dalla presentazione di una rettifica. Tramite quest’ultima sarà possibile provvedere ad una correzione del Modello F24 che dovrà essere inviata tempestivamente presso l’Agenzia delle Entrate.

Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche relative al Codice Tributo 9001, soffermandoci in particolar modo sulle specifiche contenute in esso, la corrispondenza d’imposta e la sua collocazione all’interno del Modello F24.

Codice Tributo 9001: tutto quello che occorre sapere

Ogni Codice Tributario dovrà essere affiancato alla specifica imposta da versare nei confronti dell’Agenzia delle Entrate da parte dei contraenti obbligati al versamento. Per questo motivo si renderà necessario provvedere ad una compilazione corretta, andando ad escludere il rischio di sanzioni, optando per una forma redatta autonoma del documento, oppure per la supervisione di un commercialista.

Il Codice Tributo 9001 si riferisce espressamente ai debiti fiscali emersi dal controllo automatico da parte dell’Agenzia delle Entrate, sancita dagli articoli 36 bis e 54 bis del d.p.r. 600/1973 regolamentati dal decreto Accertamento.

In presenza di un’errata compilazione del Codice Tributo 9001 non sarà possibile provvedere ad una rettifica prevista per il resto delle altre stringhe numeriche, ma si potrà contattare direttamente la sede del Fisco italiano nel caso in cui le irregolarità non siano amputabili al soggetto contraente, avvalendosi in alternativa delle filiali presenti sul territorio di residenza delle Agenzie delle Entrate.

La certificazione delle irregolarità dovrà essere presentata entro 30 giorni attraverso varie possibilità tra cui un appuntamento presso l’Agenzia delle Entrate presenti sulla fascia territoriale, invio di comunicazione tramite posta elettronica certificata Pec, tramite un intermediario quale il proprio commercialista.

Per presentare una contestazione sarà necessario essere in possesso di tutta la documentazione relativa, la quale dovrà essere inviata direttamente in allegato all’Agenzia delle Entrate, oppure stampata fisicamente in presenza di un appunto in filiale.

Optando per l’invio di una contestazione via posta elettronica certificata Pec si dovrà indicare l’oggetto della rettifica in modo chiaro e leggibile, entro 30 giorni dall’eventuale ricevimento di un avviso da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Il pagamento dell’imposta relativa al Codice Tributo 9001 potrà essere erogata unicamente attraverso la compilazione del Modello F24, motivo per il quale conoscere la sua esatta collazione si rivelerà essenziale al fine di tenersi al riparo da eventuali errori.

Attraverso i vari portali online ci si potrà avvalere delle simulazioni ad esempio sulla procedura corretta da inserire all’interno del Modello F24 riferita espressamente al Codice Tributo 9001.



Codice Tributo 9001, cos’è e in quale sezione va utilizzato ultima modifica: 2018-10-25T11:00:50+00:00 da Serena Baldoni