Codice Tributo 3850, cos’è e a cosa si riferisce



A cosa si riferisce il Codice Tributo 3850? All’interno della compilazione del Modello F24 si distinguono diverse stringe numeriche di codici specifici, ognuno di essi rapportati alla collocazione di determinate imposte da erogare nei confronti del Fisco italiano.



I Codici Tributo potranno essere erogati tramite il versamento presso il proprio istituto di credito o ufficio postale, sotto forma di un’unica transazione, oppure di una schema rateizzato, tramite compilazione autonoma o sotto l’appoggio professionale di un commercialista.

La corretta collocazione dei Codici Tributo andrà ad escludere il rischio di eventuali sanzioni amministrative per le quali si dovrà presentare una rettifica presso l’Agenzia delle Entrate entro i tempi stabiliti dalla legge, onde evitare l’accumulo degli interessi sull’imposta.

Nello specifico, il Codice Tributo 3850, si riferisce espressamente ad una determinata categoria di contribuenti all’interno del versamento d’imposta del diritto camerale riferito alle imprese, alla Camera di Commercio e al territorio di appartenenza.

Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche legate al Codice Tributo 3850, soffermandoci in particolar modo sulla sua esatta collocazione all’interno del Modello F24, in relazione all’imposta specifica alla quale si riferisce.

Codice Tributo 3850: tutto quello che occorre sapere

Il Codice Tributo 3850 si colloca all’interno della compilazione del Modello F24 in rapporto al versamento d’imposta del diritto camerale riferito alle imprese, alla Camera di Commercio e al territorio di appartenenza, sotto un espresso riferimento all’anno specifico per il quale si intende effettuare il saldo.

Ogni azienda iscritta al Registro delle Imprese e della Camera di Commercio, dovrà servirsi della stringa numerica 3850 per andare a regolamentare la propria posizione all’interno del Modello F24, escludendo il rischio di sanzioni amministrative a calcolo dell’ammontare degli interessi in caso di un errore di riporto.

Contrariamente a quanto stabilito per altri Codici Tributo la stringa numerica relativa al 3850 dovrà essere versata tramite un unico saldo complessivo, sotto la possibilità di andare a compensare la cifra annua per mezzo di ulteriori Codici Tributo relativi a specifici crediti.

Nel caso in cui la compensazione presenti una denominazione a costo zero gli importi per i diritti annui dovranno prevedere una maggiorazione dello 0,40% entro i termini previsti per la compilazione e il versamento del Codice Tributo 3850.

All’interno del Modello F24 il Codice Tributo 3850 dovrà essere riportato nella sua esatta collocazione in direzione della voce del pagamento dell’imposta sul diritto camerale, riportando l’anno di riferimento del versamento, soffermandosi in particolar modo all’interno della sezione del Codice relativo all’ente locale.

A compilazione del codice dell’ente locale si dovrà riportare la targa automobilistica relativa alla Camera di Commercio nella provincia del territorio. All’interno della voce “Importi a debito versati” si dovrà invece collocare il saldo complessivo da versare insieme alla somma della sede e delle unità locali riferite alla provincia.

Nel caso in cui l’impresa presenti più sedi in differenti province di collocazione dovranno essere compilate più righe all’interno del Modello F24, specificando ogni singola sigla provinciale.

Attraverso i portali online si potrà inoltre accedere ad una simulazione virtuale per la corretta compilazione del Codice Tributo 3850 in riferimento al Modello F24, andando ad escludere qualsiasi margine di errore.



Codice Tributo 3850, cos’è e a cosa si riferisce ultima modifica: 2018-10-19T11:00:37+00:00 da Serena Baldoni