Codice Tributo 2003 cos’è, Ravvedimento e Registrazione Contabile



All’interno delle compilazioni del Modello F24 si suddividono diverse stringhe di codici numerici, ognuna di esse rapportate ad altrettante imposte, proprio come il Codice Tributo 2003. Ma in che cosa consiste nello specifico?



Tutti i Codici Tributo vengono rapportati alla compilazione del Modello F24 e dovranno essere erogati direttamente all’Agenzia delle Entrate italiane, ad identificazione delle diverse tasse di imposta, utilizzati sia dai contraenti che dai soggetti commercialisti.

Data la mole dei Codici Tributo presente nel periodo odierno risulta estremamente facile confondere le varie stringhe, rischiando di riportare una compilazione errata del Modello F24, sotto il rischio di sanzioni amministrative nel caso di una mancata presentazione della rettifica all’Agenzia delle Entrate entro i termini stabiliti dalla legge.

I Codici Tributo, nello specifico, vengono associati alle tasse di imposte riferite all’Irap, Irpef, Iva, Tasi, Imu, Ires e via elencando. Attraverso questo nuovo articolo guidato ci occuperemo di approfondire tutte le caratteristiche tecniche relative al Codice Tributo 2003, soffermandoci in particolar modo sul Ravvedimento e sulla Registrazione Contabile.

Codice Tributo 2003: tutto quello che occorre sapere

Il Codice Tributo 2003, esattamente come tutte le altre stringhe numeriche, dovrà essere riportato all’interno del Modello F24 a riguardo delle dichiarazioni sulle imposte specifiche. Il Codice Tributo 2003 si riferisce solamente ai soggetti contribuenti in possesso della Partita Iva, mentre il pagamento delle imposte dovrà pervenire attraverso due modalità: servendosi degli uffici postali, oppure degli enti bancari.

Ancor più nello specifico il Codice Tributo 2003 dovrà essere rapportato al versamento delle imposte Ires, riferita al reddito societario regolamentato dalla normativa dell’articolo 72 dell’86 e integrata anche dalle successive modifiche del 2003 e del 2004. All’interno del Modello F24 il Codice Tributo 2003 dovrà quindi essere collocato nella compilazione dell’erario ad esso dedicato.

L’intera somma di imposta associata al versamento dell’Ires potrà essere inoltre soggetta ad una divisione rateale dei pagamenti, utilizzando lo stesso Codice Tributo 2003 anche per gli eventuali importi a credito, i contributi e le tasse, rapportate ai contribuenti in possesso della Partita Iva.

In rapporto ai contribuenti in possesso della Partita Iva il numero dei dichiaranti risulta particolarmente alto, sotto la necessità conseguente di conoscere la sua esatta collocazione al fine di non incombere nel rischio di una compilazione errata soggetta alle sanzioni amministrative ad incremento dei relativi tassi.

Ai fini di legge si potrà provvedere all’erogazione delle imposte Ires anche tramite rateizzazione dell’importo complessivo, specificando all’interno del Modello F24 il quantitativo delle rate totali.

Servendosi della stringa appartenente al Codice Tributo 0104 si andrà ad indicare un primo rispettivo di quattro rateizzazioni. In questo caso la seconda rateizzazione dovrà essere associata alla stringa numerica 0204 e la successiva a 0304.

Il Codice 0101 potrà invece essere rapportato all’erogazione della tassazione attraverso un’unica rata di saldo. La compilazione del Modello F24 potrà essere redatta anche da un commercialista, in rapporto alle difficoltà di una prima compilazione individuale difficoltosa.

Attraverso i modelli pre-compilati presenti online si potrà visualizzare un quadro complessivo ad esempio in merito alla corretta compilazione del Modello F24. In caso di un errore di compilazione si dovrà invece presentare una rettifica presso l’Agenzia delle Entrate al fine di escludere possibili sanzioni amministrative.



Codice Tributo 2003 cos’è, Ravvedimento e Registrazione Contabile ultima modifica: 2018-10-17T11:00:58+00:00 da Serena Baldoni